Intestazione XVIII Congresso Confederale "Per la persona, per il lavoro" è lo slogan scelto dalla Cisl per il suo XVIII Congresso il cui lungo percorso, avviato a novembre in tutta Italia con i 1062 congressi delle federazioni territoriali di categoria, si concluderà a Roma al Palazzo dei Congressi dell’Eur con la quattro giorni del Congresso confederale dal 28 giugno al 1° luglio. 63 congressi delle Unioni territoriali, 400 congressi delle federazioni di categoria regionali, 19 congressi delle Unioni regionali e 19 congressi delle federazioni nazionali hanno accompagnato il lungo e capillare percorso democratico con l’obiettivo di rinnovare il gruppo dirigente a tutti i livelli e rafforzare la scelta originaria del radicamento della CISL nei posti di lavoro e nel territorio.

CISL LIGURIA - "Senza investimenti pubblici e privati in crescita e sviluppo, i posti di lavoro non si creano"

DSC 0009Genova, 20 maggio 2017. Con la riconferma di Antonio Graniero, si è chiuso il XII Congresso della Cisl Liguria tenutosi il 18 e 19 maggio presso l'NH Hotel al Porto Antico con le parole d'ordine "Protagonisti e responsabili, per la persona, per il lavoro".

 Il Congresso giunge a conclusione di 650 assemblee su posti di lavoro e leghe dei pensionati che hanno portato all’elezione dei 1574 delegati che hanno poi partecipato ai 57 congressi di federazione territoriale della regione. Presenti ai lavori la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan e anche il Segretario confederale, Gigi Petteni. Nella sua relazione Antonio Graniero ha toccato vari temi focalizzando l'attenzione sui problemi che attanagliano la regione e la strada da percorrere per affrontarli con efficacia. Tracciando le priorità per la Liguria:dissesto idrogeologico e questione energetica, Antonio Graniero afferma che: "Le nostre infrastrutture sono deboli, la messa in sicurezza è basilare". A questa denuncia segue la consapevolezza che "la popolazione invecchia, come certifica l'Istat. Occorre investire sui giovani, sui saperi attraverso l'Università che deve aprirsi". Per la Segretaria generale della Cisl, intervenuta il primo giorno dei lavori, "il tema vero è come si crea lavoro nel Paese. Gli strumenti del mercato del lavoro sono importanti, gli incentivi hanno dato dei risultati, anche se ancora del tutto insufficienti, ma il vero tema è la crescita e lo sviluppo - continua Annamaria Furlan - Senza crescita e senza sviluppo, senza investimenti pubblici e privati in crescita e sviluppo, i posti di lavoro non si creano". "Il Fiscal compact è dalla parte opposta di crescita e sviluppo - prosegue e conclude la Furlan - Dobbiamo far cambiare questa Europa. Il reddito di cittadinanza è l'oppposto di una società che mette al centro il lavoro. Il termine lavoro contiene giustizia, eguaglianza, solidarietà, coesione sociale e rispetto generazionale".

Per approfondimenti consultare anche il sito della Cisl Liguria e l'account Twitter della Cisl ligure

 

 

 

 

 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.