Intestazione XVIII Congresso Confederale "Per la persona, per il lavoro" è lo slogan scelto dalla Cisl per il suo XVIII Congresso il cui lungo percorso, avviato a novembre in tutta Italia con i 1062 congressi delle federazioni territoriali di categoria, si concluderà a Roma al Palazzo dei Congressi dell’Eur con la quattro giorni del Congresso confederale dal 28 giugno al 1° luglio. 63 congressi delle Unioni territoriali, 400 congressi delle federazioni di categoria regionali, 19 congressi delle Unioni regionali e 19 congressi delle federazioni nazionali hanno accompagnato il lungo e capillare percorso democratico con l’obiettivo di rinnovare il gruppo dirigente a tutti i livelli e rafforzare la scelta originaria del radicamento della CISL nei posti di lavoro e nel territorio.

CUNEO - Parola chiave: il territorio, dalla crisi alle potenzialità per il futuro

b_180_160_16777215_00_images_primo_piano_2_Altri_Congressi_BANNER-CUNEO.jpg25 Marzo 2017 - 5 Marzo 2017 - "Partecipiamo per costruire il futuro" lo slogan del Congresso dell'Unione territoriale della Cisl di Cuneo cui hanno preso parte duecento delegati in rappresentanza di tutte le categorie e degli oltre 44.000 iscritti della confederazione territoriale.

Un numero che rappresenta il record storico per la Cisl provinciale e ne conferma la posizione di primo sindacato della Granda. Alla guida territoriale della Ust, con un numero di voti che ha sfiorato il 90% è stato confermato l'attuale Segretario generale Massimiliano Campana che si è detto "particolarmente soddisfatto per l’ampio consenso attribuito alla segreteria provinciale. Lo spirito di squadra che si è vissuto in questi giorni - ha detto - è lo stesso stato d’animo che ho percepito nei quattro anni di mandato anche nei momenti più complessi e che, sono certo, proseguirà in futuro".

Campana nel suo intervento ha toccato le questioni più attuali della società e del mondo del lavoro: dalla questione europea alla situazione del lavoro precario nel paese, al fisco. Dalla disuguaglianza sociale alla situazione dei giovani e delle fasce più deboli, dalla situazione ambientale allo sviluppo sostenibile, ponendo in primo piano i problemi e le proposte per il territorio. Un territorio che "costituisce un elemento fondamentale da cui partire per uscire dalla crisi e per porre le basi per lo sviluppo e per la crescita del lavoro" ha detto aggiungendo che "le politiche di sviluppo devono essere rilanciate attraverso la valorizzazione delle eccellenze professionali, produttive, ambientali e culturali che caratterizzano il nostro territorio provinciale, in una strategia di consolidamento delle filiere, puntando sullo sviluppo di tecnologie produttive compatibili con l’ambiente, sulla riqualificazione del territorio e delle città, sul sistema infrastrutturale e logistico, sulla formazione professionale sempre più collegata alle esigenze occupazionali del contesto produttivo”. 

Circa 30 gli interventi dei delegati oltre a quelli dei parlamentari , dei segretari, nazionale e regionali che si sono susseguiti nel corso dei lavori congressuali.  Tra questi l’intervento del segretario confederale nazionale Gigi Petteni che ha posto l'accento sull'impegno della Cisl sui nodi principali del momento: “Abbiamo lavorato intensamente senza demagogia con risultati eccellenti . ha detto – siamo riusciti a conquistare un rapporto con il governo sulla riforma della previdenza, confermando la contrattazione ed il ruolo centrale del sindacato".

Vai su www.cislcuneo.it

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.