• Grandi temi
  • Servizi, terziario e agroalimentare

Terziario. Rinnovi contrattuali ristorazione e pubblici esercizi, lavoro termale, socioassistenzale, Agespi

21 Febbraio 2018 - Il coordinamento nazionale delle strutture e dei delegati della Fisascat Cisl, la federazione dei lavoratori del terziario, ha approvato a Roma gli accordi per i nuovi contratti nazionali del lavoro termale e dei pubblici esercizi, ristorazione collettiva, commerciale e turismo, comparti che occupano oltre un milione di addetti nel nostro Paese. 
Si tratta di rinnovi importanti oltre che per la vasta platea dei lavoratori impiegati, anche e soprattutto perché tracciano nuovi percorsi di negoziazione dimostrando di essere assolutamente al passo con i mutamenti dei settori.

Il CCNL della ristorazione non è infatti un rinnovo, è bensì un contratto assolutamente nuovo che viene dopo la spaccatura datoriale di 4 anni fa, tra il mondo della ristorazione, appunto, e quello alberghiero. Il paziente lavoro di tessitura sindacale messo in campo dalla Fisascat Cisl, ha permesso di mantenere unite la ristorazione collettiva e la ristorazione commerciale e dare importanti risposte ai lavoratori del settore dopo quasi cinque anni di attesa.  Tra i punti più qualificanti dell’accordo, oltre al più che significativo aumento economico (100E + 2 di assistenza sanitaria), possiamo citare le tutele sul sistema dei cambi di appalto e gestione, gli interventi sulla flessibilità contrattata e sul welfare aziendale, la rilevanza data alla formazione ed all’apprendistato e, in un settore dove è nettamente prevalente l’occupazione femminile, una specifica normativa contro le molestie e le violenze nei luoghi di lavoro.

Per il contratto del lavoro termale si è puntato fortemente sulla formazione e sulla riclassificazione del personale al fine dell’accrescimento delle professionalità in un settore che deve essere componente strutturale per il turismo nel nostro Paese.

Il 23 gennaio scorso è stato rinnovato anche  il contratto nel settore sociosanitario, per i dipendenti delle strutture associate ad Agespi, il quale aggiunge all’aumento economico il riconoscimento di un congruo importo a titolo di una tantum (225 euro), aumenta varie maggiorazioni ed indennità, sostiene la bilateralità, la genitorialità e complessivamente tutto il welfare contrattuale rilanciando inoltre decisamente il secondo livello.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (ccnl -agespi-23012018.pdf)ccnl Agespi11414 kB
Scarica questo file (Aziende-termali-Accordo-CCNL-24-01-18.pdf)Aziende termali 6274 kB
Scarica questo file (Accordo-ccnl-settori-pubblici-ristorazione-2018-02-07.pdf)ccnl pubblici esercizi-ristorazione 228 kB

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa