Svimez. Cisl: "Dati economia denunciano bisogno di crescita e lavoro. Il Governo ascolti la proposta del sindacato"

INDUSTRIA8 novembre 2018 - “Sono dati preoccupanti, ma purtroppo ben anticipati dalla Cisl, quelli che ci arrivano in queste ore dalla Svimez, dall’Istat e dalla Commissione Europea. Numeri che parlano di un Sud in grande affanno, di un nuovo stallo dei consumi e di un rapporto deficit/Pil destinato a toccare la cifra del 3 per cento. Tutti nodi che appartengono alla stessa questione di fondo: uno sviluppo fermo, zavorrato da investimenti pubblici insufficienti e da inadeguate strategie di rilancio occupazionale, coesione sociale, e convergenza territoriale. La svolta deve arrivare in Manovra, altrimenti il Mezzogiorno e il Paese rischiano di finire sull’orlo del baratro”.

Lo ha detto Luigi Sbarra, segretario generale aggiunto del sindacato di via Po, a margine degli attivi unitari Cgil-Cisl-Uil che si sono svolti oggi a Napoli per presentare i contenuti della piattaforma unitaria dei tre sindacati confederali su Crescita , Sviluppo , Lavoro.
“C’è un momento in cui i desiderata e gli annunci devono lasciare spazio al buonsenso - ha aggiunto Sbarra -: questo momento è arrivato per il Governo. Serve uno scatto in Legge di Bilancio, con un impulso nelle strategie industriali e infrastrutturali, nel rilancio di ricerca e innovazione, nell’investimento su Scuola , competenze , pubblica amministrazione , mercato del lavoro. Dobbiamo puntare su leve proattive che non si fermino alla logica del mero assistenzialismo. Per abbattere le incertezze che frenano investitori e mercati va dato un segnale di unità sociale verso politiche espansive, che agiscano sul fattore della crescita, su quel denominatore che oggi alza il rapporto sull’indebitamento. Per questo bisogna partire dai più deboli: spezzare le diseconomie che frenano il Mezzogiorno, onorare pienamente i rinnovi dei contratti pubblici, alleggerire il carico fiscale sui redditi medio-bassi da lavoro e da pensione. E poi includere nel mercato del lavoro milioni di giovani e donne a cui, specialmente nel meridione, è negato un progetto di vita. Occorre infine aprire il confronto con le Parti Sociali su previdenza e pensioni per andare oltre le frasi ad effetto e gli slogan. Insomma, bisogna recuperare una visione di coesione nazionale, un Progetto-Paese che purtroppo ancora manca in Manovra. L’Esecutivo ascolti le proposte del sindacato ed avvii una fase nuova di reale cooperazione, con le forze sociali”.

"Negli anni passati abbiamo registrato la discreta crescita del Pil che poi è rallentato. Si è assistito anche a un incremento di occupazione, ma ancora inadeguato ed insufficiente sia in termini quantitativi che qualitativi e comunque sotto di ben 300.000 posti di lavoro rispetto ai dati pre crisi" ha dichiarato dalla sua il Segretario confederale della Cisl, Ignazio Ganga, commentando il Rapporto Svimez. "Il reddito di cittadinanza, se saranno efficienti i servizi per l’impiego potrebbe dare qualche temporaneo risultato, ma tutto ciò non fa vivere meglio la popolazione e non determina sviluppo né per il Mezzogiorno né per il resto del Paese che dall’innalzamento delle condizioni economiche e sociali delle regioni meridionali ed insulari trarrebbe grande beneficio. La CISL da tempo ribadisce che per il Mezzogiorno occorre una strategia complessiva e costante nel tempo. 
Anzitutto la spesa ordinaria per investimenti deve avere una distribuzione territoriale adeguata e occorre attuare subito e correttamente la clausola del rafforzamento della spesa ordinaria del 34 % presente nella attuale e nella precedente legge di bilancio. Va sostenuta la spesa dei fondi europei e quella dei patti per lo sviluppo e del Fondo sviluppo e coesione, attraverso un supporto alla capacità di esitare bandi pubblici di qualità meglio orientati a ridurre i gap produttivi e infrastrutturali. Serve una amministrazione ed una gestione dei servizi efficiente ed in grado di alzare il livello delle prestazioni erogate, assumendo nuove professionalità, accrescendo la digitalizzazione e la semplificazione, individuando obiettivi di risultato rispetto alle esigenze delle prestazioni e dei servizi. Occorre confermare gli incentivi alle imprese, che si sono dimostrati efficaci e favorire e orientare il sistema produttivo rispetto all’innovazione ed alla sostenibilità ambientale. Vanno rafforzate le Università ed i Centri di ricerca ed il loro rapporto con le imprese. Tutto ciò è essenziale per valorizzare i percorsi universitari dei giovani, contrastandone la migrazione che sta svenando il Sud. Un processo utile per cambiare segno alla nuova occupazione che tende ad essere a basso livello di competenze e stabilità. La qualità e la continuità dei rapporti di lavoro dovrebbero essere le parole chiave per il nuovo modello di sviluppo capace di rendere effettiva quella attrattività che una corretta e veloce attuazione delle zone economiche speciali potrebbe favorire nell’intera area meridionale. Per dare valore alla centralità mediterranea del Sud, occorre visione e lavoro coordinato tra le parti sociali e le amministrazioni. In tal senso gli strumenti ci sono tutti: serve potenziarli e renderli più efficaci dando gambe agli accordi sottoscritti fra Governo e regioni del Mezzogiorno". "La CISL - conclude Ganga- propone che ciò si faccia subito accogliendo le proposte del sindacato sulla legge di bilancio e associandole ad una oculata e veloce spendita delle risorse messe a disposizione dall’armamentario nazionale e comunitario".

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa