Intervento di Annamaria Furlan alla “Manifestazione per il lavoro”