Credito. Romani (First Cisl), decreto salvabanche scelta di responsabilità. Garantire operatività e occupazione

Roma, 23 novembre 2015. "La continuità operativa di Banca Marche, Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio, Cassa di Risparmio di Ferrara e CariChieti è garantita", così Giulio Romani, Segretario Generale FIRST Cisl, commenta l'entrata in vigore del decreto legge 183/2015 e dei provvedimenti correlati di Banca d'Italia. " Ci rassicura - continua Romani - la tempestività con cui i commissari straordinari delle quattro banche hanno garantito la continuità di tutti i rapporti di lavoro nelle "bridge bank": una scelta di buon senso, che riconosce come lo spirito di abnegazione, quotidianamente dimostrato dai lavoratori, abbia scongiurato fenomeni di fuga di clienti che avrebbero prodotto conseguenze facilmente immaginabili. Giova inoltre ricordare come i lavoratori, sottoponendosi a sacrifici economici, abbiano concretamente contribuito alla riduzione dei costi operativi a fronte di situazioni gravissime prodotte dalle amministrazioni succedutesi nel tempo". "Il personale che collaborerà con l'unica bad bank creata, pur essendo alle dipendenze delle quattro good bank, potrà contribuire a realizzare un valore maggiore rispetto a quello delle attività deteriorate conferite. Su questo punto - conclude Romani - sarà necessario che le Autorità facciano chiarezza. Infatti non essendo stati utilizzati soldi pubblici per le risoluzioni delle crisi, sarebbe opportuno che, in caso di complessivi maggiori realizzi, venisse previsto un rimborso parziale per i detentori di obbligazioni subordinate e di azioni che, attraverso l'azzeramento dei relativi valori, hanno consentito la notevole riduzione dei bad loans conferiti nella bad bank. Tale decisione andrebbe assunta almeno per le azioni e le obbligazioni subordinate detenute da investitori non istituzionali. Siamo infatti convinti che, come avvenuto per la Società di Gestione di Attività – SGA - nata nel ‘96 per salvare il Banco di Napoli, l'ipotesi di un valore di realizzo superiore alle iniziali aspettative non sia affatto inverosimile". Ufficio stampa First Cisl

Leggi anche:

Banche. Romani (First Cisl): Banche. Romani (First Cisl): "Speriamo in salvataggio Carim Caricesena e Carismi senza impedimenti"
Roma, 28 ottobre 2017. “Possiamo dire che sindacato e aziende hanno fatto la loro parte, individuando in tempi rapidissimi soluzioni innovative e...
Banche. Romani (First Cisl): Banche. Romani (First Cisl): "istituire reato di disastro bancario e restituire banche a cittadini"
Roma, 27 gennaio 2018. “Là fuori si assiste alle assoluzioni o al sequestro di pochi spiccioli per chi governava le banche demolite dalle cattive...
Banche. Romani (First Cisl): Banche. Romani (First Cisl): "8 febbraio tavola rotonda su proposta riforma banche"
Roma, 3 febbraio 2018.  Il manifesto che contiene le sei proposte della Cisl e di First Cisl indirizzate a una riforma del sistema bancario italiano...
Banche. Fanan (First Cisl): Banche. Fanan (First Cisl): "Dopo accordo Creval managment faccia propria parte"
Roma, 16 aprile 2018. “Dopo anni di risultati negativi, il piano industriale di rilancio del Gruppo Creval,ha richiesto molto sacrifici agli...
Banche. Barberotti (First): Banche. Barberotti (First): "Sventato rischio esternalizzazioni in Deutsche bank"
Roma, 4 maggio 2018. “Ancora una volta una riorganizzazione ha bruciato posti di lavoro, ma l’aspetto positivo è che un efficace sistema di...
Banche. Romani (First Cisl) : Banche. Romani (First Cisl) : "In 7 anni 6289 filiali bancarie in meno"
Roma, 16 luglio 2018. “Rispetto a sette anni fa, in Italia ci sono 6.289 sportelli bancari in meno, il personale di rete è sceso di 26.249 addetti...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa