Dati Istat su pensioni. Petriccioli (Cisl): "Sostenere e tutelare i redditi dei pensionati"

Roma, 3 dicembre 2015. “In Italia c’è uno scivolamento del reddito disponibile dei pensionati verso la povertà relativa, con le donne particolarmente penalizzate da carriere lavorative troppo frammentate, parziali e discontinue”. Lo ha dichiarato il Segretario confederale della Cisl, Maurizio Petriccioli, commentando i dati del rapporto Istat sui 'Trattamenti pensionistici e beneficiari' nel 2014. “Questi dati confermano la duplice esigenza di sostenere i redditi dei pensionati, sia per via fiscale, a partire dall’immediata equiparazione della no tax a livello di quella dei dipendenti, sia reintroducendo meccanismi di perequazione più idonei a conservare nel tempo il potere di acquisto dei trattamenti. Occorre, inoltre, rafforzare la contribuzione figurativa a fronte del lavoro di cura o dei bisogni parentali. Se non si affrontano questi nodi, lo scenario già oggi preoccupante rischia di deteriorarsi nel tempo per effetto del calcolo contributivo delle pensioni e del ritardato ingresso nel mondo del lavoro, che rischia di consegnare i giovani di oggi ad un futuro ancora più incerto”, ha concluso Maurizio Petriccioli. Ufficio stampa Cisl

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa