Bentivogli e Alioti (Fim Cisl). Dichiarazione di solidarietà ai sindacati sudcoreani che lottano contro le scelte illiberali del loro Governo

Roma, 14 dicembre 2015. La FIM-CISL raccoglie l’appello di IndustriALL Global Union per una mobilitazione di tutti i sindacati affiliati affinché il Governo sudcoreano rispetti i diritti fondamentali dei lavoratori. L'attuale Governo della Corea del Sud ha fatto diversi tentativi per indebolire il diritti dei lavoratori e dei loro sindacati, come dimostrano i frequenti richiami critici della OIL (l’Organizzazione Internazionale del Lavoro) per le gravi violazioni del diritto alla libertà di associazione e alla contrattazione collettiva, verificati in diverse occasioni.

1. Il 21 novembre 2015, il Governo ha inviato la polizia antisommossa a fare irruzione negli uffici del sindacato coreano dei metalmeccanici (KMWU) affiliato a IndustriALL Global Union, della Confederazione dei sindacati coreani (KCTU) e ad una serie di altri sindacati. In quelle circostanze le forze di polizia hanno sequestrato documenti, attrezzature, computer e dischi rigidi esterni, senza alcun mandato di perquisizione da parte della magistratura.

2. Il raid effettuato dalle forze di polizia e’ avvenuto in seguito alla partecipazione dei sindacati a una grande manifestazione, tenutasi a Seul il 14 novembre 2015 per protestare contro una proposta di riforme del diritto del lavoro che compromette gravemente i diritti dei lavoratori e dei loro sindacati, mentre aumenta l'utilizzo del lavoro precario e diminuisce il reddito dei lavoratori.

3. La repressione poliziesca ha portato all’arresto di decine di dirigenti e attivisti sindacalisti tuttora imprigionati, il cui unico reato è rappresentare i lavoratori e contrastare la legislazione antisindacale.

4. Park Geun-hye, il primo presidente donna nella storia della Corea del Sud, ha paragonato le manifestazioni sindacali alle azioni terroristiche dello Stato Islamico in Iraq e Siria (ISIS), in un tentativo delirante e vergognoso di diffamare la protesta pubblica in difesa dei diritti dei lavoratori.

5. Nei giorni scorsi la polizia sudcoreana ha arrestato il presidente della confederazione sindacale KCTU, Han Sang-gyun per il suo presunto coinvolgimento nell'organizzazione dello sciopero contro il Governo del mese scorso. Centinaia di poliziotti in uniforme hanno circondato il tempio buddista dove Han Sang-gyun era stato nascosto. Guidato da un monaco anziano, Han e' uscito dal tempio consegnandosi alla polizia per senso di responsabilità.

Di fronte a tutti questi episodi che dimostrano una pericolosa deriva autoritaria, la FIM-CISL si unisce a IndustriALL nel chiedere al Governo della Corea del Sud di rispettare il diritto alla libertà di associazione, incluso il diritto di riunione pacifica e di sciopero. Sulla base del rispetto di questi diritti fondamentali, il Presidente del KCTU, Han Sang-Gyun deve essere prosciolto da tutte le accuse e liberato, così come gli altri dirigenti e attivisti sindacali ancora detenuti dalla polizia devono essere rilasciati e tutte le accuse ritirate. Il Governo, inoltre, deve impegnarsi a consultazioni in buona fede con le parti sociali, tra cui i sindacati, affinché le riforme della legislazione sul lavoro siano rispettose dei diritti fondamentali stabilite dalle convenzioni della OIL. A questo fine IndustriALL Global Union, insieme alla Confederazione Internazionale dei Sindacati (ITUC/CSI) chiederà alla OIL di intervenire urgentemente sul Governo della Corea del Sud. Infine come FIM-CISL esprimiamo la nostra solidarietà con tutti i lavoratori e sindacati sudcoreani e il nostro sostegno alla loro lotta, a partire dallo sciopero generale che sarà dichiarato per contrastare le scelte illiberali in materia di diritto del lavoro.

Dichiarazione di Marco Bentivogli (Segretario generale Fim-Cisl) e Gianni Alioti (Responsabile Ufficio Internazionale Fim-Cisl))

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa