Scuola. Gissi (Cisl Scuola), il mancato pagamento dei supplenti è una situazione vergognosa e intollerabile

Roma, 17 dicembre 2015. “E’ una situazione vergognosa quella che si sta determinando a causa del mancato pagamento degli stipendi ai supplenti. Vergognosa e intollerabile. Non c’è giustificazione che tenga quando viene negato a una persona il compenso cui ha diritto per il lavoro che svolge”. Questo è quanto afferma la Segretaria generale della Cisl Scuola, Lena Gissi. “Si faccia di tutto e di più per trovare subito una soluzione, prosegue, sono davvero tante, troppe le persone che vengono a raccontarci, ogni giorno nelle nostre sedi, il dramma che stanno vivendo di fronte a scadenze di pagamenti che non possono onorare, spesso esposte al rischio di subire sanzioni o atti ingiuntivi”. “Abbiamo da tempo e più volte denunciato questi problemi all’Amministrazione, conclude la Gissi, non è davvero comprensibile e accettabile che non si sia ancora trovata una soluzione a problemi che è doveroso assumere come assoluta priorità, ponendo fine a una situazione che sta assumendo i caratteri di una vera e propria emergenza sociale”

Leggi anche:

Scuola. Gissi (Cisl Scuola): No passi indietro su organico ATA Scuola. Gissi (Cisl Scuola): No passi indietro su organico ATA
Roma, 2 agosto 2017. La Cisl Scuola ha fatto pervenire nei giorni scorsi al MIUR le proprie osservazioni rispetto alla bozza di circolare sull’...
Scuola. Gissi: Scuola. Gissi: " Pubblicazione atto di indirizzo per comparto istruzione è segnale positivo"
Roma, 19 ottobre 2017. "Siamo positivi sulla pubblicazione dell’Atto di indirizzo per il comparto dell’istruzione e della ricerca, che apre...
Scuola. Gissi (Cisl Scuola): Scuola. Gissi (Cisl Scuola): "Don Milani e la scuola di Barbiana esperienza che deve far riflettere""
Roma, 17 novembre 2017. Maddalena Gissi, segretaria generale della Cisl Scuola, alla vigilia della giornata dedicata alla diffusione del Manifesto per...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.