Violenza donne. Ocmin (Cisl): "Fermare le mutilazioni genitali femminili. in Italia a rischio 1.000 bambine"

Roma, 5 febbraio 2016- “Il tema delle mutilazioni genitali femminili è di estrema attualità e purtroppo ci riguarda sempre più da vicino”. Lo dichiara in una nota Liliana Ocmin, Responsabile Dipartimento Donne Immigrati Giovani della Cisl e Coordinatrice Nazionale Donne Cisl alla vigilia della Giornata internazionale contro le mutilazioni genitali femminili e nella Giornata mondiale ecclesiale contro la “tratta”. “Questa pratica assurda, infatti, non riguarda solo i paesi indicati da Unicef e Oms, soprattutto quelli dell’Africa sub-sahariana- continua Ocmin- ma anche il nostro continente attraverso le migrazioni, divenute negli ultimi tempi sempre più strutturali a cause di guerre, miseria e catastrofi ambientali. Il Parlamento europeo ha stimato che 500.000 donne e bambine che vivono in Europa stanno soffrendo le conseguenze delle mutilazioni genitali femminili e che 180 mila sono a rischio ogni anno. In Italia, nonostante la legge del 2006 che vieta e persegue gli autori di tali reati, sarebbero 35.000 le donne sottoposte a queste pratiche ed oltre mille bambine a rischio. Di fronte a questi dati allarmanti, entra in gioco la nostra idea di alleanza con le donne immigrate attiviste nelle comunità di origine presenti sul territorio, una maniera concreta e diretta per sensibilizzare sulla pericolosità di queste pratiche che ledono il diritto alla salute ed all’integrità fisica delle donne. La sensibilizzazione e l’educazione scolastica hanno fatto tanto finora ma possono fare di più. Si procede troppo lentamente. A questi ritmi, secondo l’Agenzia ONU Unfpa, occorre attendere il 2074 per il dimezzamento del fenomeno. Diviene fondamentale pertanto incrementare le attività e le iniziative per accelerare il processo di sensibilizzazione”.“Come Coordinamento donne Cisl- conclude Ocmin- il nostro impegno è totale: proseguiamo con la nostra azione di informazione e sensibilizzazione nei luoghi di lavoro rilanciata nel 2011 con la Campagna “MGF: Mutilazioni Giunte alla Fine, consapevoli che tutti, parti sociali, politica, istituzioni, debbano fare di più per debellare questa pratica e ridare dignità a donne e minori”.

Ufficio Stampa Cisl

Leggi anche:

Violenza donne. Ocmin: Violenza donne. Ocmin: "Incentivi fiscali per assunzione di vittime di violenza"
Roma, 25 novembre 2017. “Favorire l’ingresso e la permanenza delle donne nel mercato del lavoro è per la Cisl il punto di partenza fondamentale...
Mutilazioni Genitali. Cisl: Mutilazioni Genitali. Cisl: "Tra le 61 mila e le 80 mila donne presenti sul nostro territorio hanno subito qualche forma di mutilazione. Cisl ribadisce il suo 'no' contro queste pratiche"
Roma, 6 febbraio 2018.  "In linea con l’impegno permanente contro le Mutilazioni Genitali Femminili, attraverso la nostra specifica Campagna di...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa