Pensioni. Sbarra: il 2 aprile la Fai-Cisl in piazza per i lavoratori dell’agroindustria

Roma, 31 marzo 2016. "Il 2 aprile i lavoratori della Fai scendono in piazza con Cisl, Cgil e Uil per cambiare la Legge Fornero, restituire flessibilità, equità e sostenibilità sociale al sistema pensionistico italiano e rivendicare le specificità del lavoro agroindustirale e ambientale". Lo afferma in una nota Luigi Sbarra, Commissario nazionale della Fai-Cisl, in vista della mobilitazione sindacale unitaria del 2 aprile contro la Legge Fornero. "Al Governo chiediamo di aprire urgentemente un confronto per affrontare le questioni degli esodati, della previdenza complementare per i giovani, del lavoro usurante e faticoso, verso una flessibilità in uscita non penalizzante per i lavoratori. Come Fai-Cisl consideriamo imprescindibile correggere una normativa che esclude dalla declaratoria dei lavori usuranti, faticosi e rischiosi i settori dell’agricoltura, della pesca e certi comparti dell’industria alimentare. Il passaggio definitivo al sistema contributivo - aggiunge il sindacalista - determinerà inoltre un sensibile abbassamento degli assegni pensionistici. Occorre dunque valorizzare la previdenza complementare: i fondi pensione negoziali devono essere sostenuti con una specifica fiscalità di vantaggio che ne riconosca le finalità sociali. La Fai farà sentire la propria voce, pronta a dare il suo contributo al cambiamento", conclude Sbarra

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa