Lavoro. Petteni: "Abbiamo chiesto al Governo una stretta sull’utilizzo dei voucher. Tracciabilità positiva ma insufficiente"

Roma 12 aprile 2016 - "Nel corso del 2015 i voucher venduti sono aumentati del 66% rispetto al 2014, per un numero di lavoratori interessati pari a 1.380.030 unità, ognuno dei quali ha riscosso in media 64 voucher. Vi è poi anche il grave problema dei 27 mila voucher acquistati dai committenti e non riscossi. Si riassume in questi numeri una situazione che consideriamo assai critica, e che probabilmente è un effetto non voluto delle norme sul contrasto al falso lavoro autonomo contenute nel Jobs Act: vi sono evidentemente datori di lavoro che hanno trovato nei voucher una comoda strada alternativa alle false partite iva e al lavoro a progetto". E' quanto sostiene in una nota il Segretario Confederale della Cisl Gigi Petteni. "La Cisl ha chiesto al Governo una stretta sull’utilizzo dei voucher: la tracciabilità che il ministro Poletti ha annunciato è positiva ma insufficiente, servono - conclude - anche interventi che diano un ruolo alla contrattazione nel valutare le possibilità di utilizzo dei voucher, soprattutto nei settori maggiormente a rischio di abusi". Ufficio Stampa Cisl

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa