Corruzione. Furlan: senza legalità non c’è sviluppo economico

Roma, 28 aprile 2016. “Combattere la corruzione ed il malaffare è non solo una esigenza morale e culturale ma deve diventare davvero una priorità di tutta la classe dirigente del nostro paese, a tutti i livelli”. Lo afferma la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan commentando l’appello del Presidente della Repubblica Mattarella contro la corruzione. “Ha ragione il Capo dello Stato Mattarella quando sottolinea che bisogna essere tutti uniti contro la corruzione con una grande alleanza tra le forze sane e responsabili del paese. I valori della giustizia e della legalità sono alla base della convivenza civile e sociale. Senza legalità non c’è sviluppo economico, equità e progresso nella società italiana. La catena della corruzione va combattuta senza tentennamenti ed equivoci, applicando le leggi con i controlli adeguati e costanti, attraverso la partecipazione di tutti i soggetti istituzionali, le forze sociali, i cittadini. Speriamo che le parole forti del Presidente della Repubblica facciano breccia e possano diventare il viatico per una vera rivoluzione culturale nel nostro paese nel nome della legalità e della lotta contro il malaffare che deprime la nostra economia, allargando le diseguaglianze sociali”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa