Scuola. Furlan: "Il governo ci convochi subito, no a fiducia su testo"

Roma, 23 giugno 2015. "Chiediamo di essere immediatamente convocati per valutare la situazione". Così il Segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, a margine di un convegno sulla sicurezza globale organizzato dal Fns Cisl e dal Siulp, auspicando che sulla riforma della scuola non venga posta, al Senato, la fiducia.
"Noi -ha spiegato Furlan- abbiamo chiesto al governo, immediatamente, di convocarci" anche perché "vediamo che ogni giorno il governo cambia idea sul percorso". Secondo la Cisl "per fare la buona scuola, come il governo vuole, bisogna non avere nella scuola oltre 150mila precari che, quotidianamente da anni, lavorano nella scuola".
"Una riforma così importante per il paese come quella della scuola -ha concluso- non ha bisogno di azioni di fiducia".

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa