Crisi. Furlan: "I dati Istat dimostrano che la ripresa non decolla. Bisogna investire sull'economia reale"

7 giugno 2016. "La ripresa è troppo, troppo debole e non decolla perché non si affrontano i nodi strutturali veri". Così il segretario generale della Cisl Annamaria Furlan, a Torino per il consiglio generale della Cisl Piemonte, commenta i dati Istat diffusi oggi. "Questo Paese, per riprendersi, essere competitivo e quindi creare vera occupazione - osserva la Furlan - deve scommettere fino in fondo sull'economia reale che significa fare gli investimenti pubblici e privati come da tempo affermiamo e chiediamo, innanzitutto nelle infrastrutture ma anche sul tema della conoscenza e della ricerca".
Per il segretario della Cisl "l'Italia esce dalla crisi se ci esce tutta e se la ripresa è all'insegna dell'innovazione e della qualità. Per questo - prosegue - abbiamo visto con favore il fatto che il ministro Poletti nel primo incontro che abbiamo avuto qualche giorno fa abbia affermato che ci vuole un confronto sui temi della crescita e della ripresa. È quello che come Cisl chiediamo da tempo - conclude - perché nessun soggetto può farcela da solo ma tutti insieme se scommettiamo sul Paese e mettiamo al centro il lavoro potremo creare le condizioni perché l'Italia abbia un futuro"

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa