Previdenza complementare.Petriccioli: "Da relazione Covip confermata efficacia fondi pensione di natura contrattuale ma ancora poche adesioni"

Roma, 9 giugno 2016 - “I fondi pensione di natura contrattuale confermano la loro capacità di valorizzare efficacemente il risparmio previdenziale dei loro aderenti, contribuendo a migliorare i loro livelli di copertura pensionistica futura”. Lo ha dichiarato il Segretario Confederale della Cisl, Maurizio Petriccioli, commentando la relazione annuale della Covip. “I punti deboli del sistema riguardano lo scarso livello delle adesioni raggiunto nelle piccole e piccolissime imprese e nel pubblico impiego. Su queste vicende occorre intervenire rilanciando l’educazione previdenziale ed una nuova finestra di “silenzio – assenso” per favorire le scelte dei lavoratori, così come garantendo efficaci canali di accesso al credito delle piccole imprese che trasferiscono il TFR dei propri dipendenti alla previdenza complementare ed equiparando la disciplina fiscale dei dipendenti pubblici a quella più vantaggiosa prevista per i dipendenti privati. Più in generale - ha concluso Maurizio Petriccioli - la politica economica e fiscale deve valorizzare il contributo che la previdenza complementare può dare allo sviluppo del paese, individuando soluzioni premiali e strumenti che agevolino l’investimento volontario dei fondi pensione nell’economia reale e nello sviluppo infrastrutturale”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa