Caporalato. Sbarra (Fai Cisl): “Blindare Ddl per rapida approvazione definitiva”

Roma, 2 agosto 2016. "Il via libera di Palazzo Madama al Ddl contro il caporalato è una splendida notizia, che premia la coesione politica e una mobilitazione del sindacato agricolo sfociata nella grande manifestazione a Bari del 25 giugno. Ora bisogna garantire una rapida e definitiva approvazione a Montecitorio: il passaggio deve essere rapido e senza sorprese". Lo afferma in una nota Luigi Sbarra, Segretario Generale della Fai Cisl, commentando l'approvazione del ddl 2217 sul caporalato da parte dell'Aula del Senato. "Per accelerare l'iter - aggiunge il leader della Federazione agricola Cisl - Fai, Flai e Uila hanno chiesto e ottenuto per il 13 settembre un incontro con la Presidente della Camera, Laura Boldrini. Sarà occasione per chiedere alla terza carica dello Stato e a tutti i gruppi politici il massima unità d'intenti su un percorso che deve arrivare al traguardo senza ulteriori perdite di tempo. Siamo a un punto di svolta nella direzione di un contrasto partecipato a una piaga storica e sedimentata. Occorre blindare il testo, evitare altre modifiche che lo farebbero tornare al Senato aprendo a scenari incerti. Uscire di strada proprio in questo ultimo miglio sarebbe imperdonabile. Siamo certi che la Presidente Boldrini saprà difendere le ragioni di una chiamata che non ammette distinzioni di partito", conclude Sbarra.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa