Misery Index di Confcommercio. Meazza (Adiconsum): l’alternanza di lievi miglioramenti e peggioramenti sono indice di un Paese che ha difficoltà a ripartire

Roma, 9 settembre 2016. Il lieve miglioramento del Misery Index, purtroppo, non fuga gli altri dati negativi, come quello sulla disoccupazione, sulla perdita di fiducia delle famiglie e sulla frenata della ripresa – così il commento di Walter Meazza, presidente di Adiconsum nazionale, a seguito della pubblicazione dei dati di Confcommercio. La continua alternanza dei vari indici di crescita del Paese – prosegue Meazza – non permette ad una parte consistente delle famiglie italiane di essere fiduciose nel futuro e, quindi, di contribuire al rilancio dei consumi e alle imprese di investire, assicurando quella produzione in grado di generare occupazione stabile. Auspichiamo che la nuova legge di stabilità – conclude Meazza – contenga gli interventi per individuare le risorse necessarie a far ripartire il Paese.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa