Metalmeccanici. Bentivogli (Fim): Ricchezza deve essere distribuita dove viene prodotta

Milano, 19 settembre 2016 .Fatto salvo il ruolo di garante e di cornice del contratto nazionale, la ricchezza si distribuisce laddove viene prodotta, cioè in azienda. È quanto la stessa UE chiede all’Italia dal 2011, ovvero di dare più spazio alla contrattazione di secondo livello, aziendale e/o territoriale; ed è quanto il legislatore oggi incentiva, attraverso la detassazione di premi di risultato e del welfare aziendale. In quest’ottica, ma anche in prospettiva della ripresa del tavolo negoziale tra Federmeccanica e Fim, Fiom e Uilm sul rinnovo del contratto dei metalmeccanici il prossimo 28 settembre, si inserisce il convegno che si terrà oggi a Milano dal titolo: “Contrattazione di secondo livello: un salto nella realtà” organizzato dall'Associazione Think-in presso l’Hotel Michelangelo e che vedrà la presenza del Segretario generale della Fim Cisl Marco Bentivogli, di Paolo Pirani (Segretario Generale Uiltec-Uil), Andrea Piscitelli (Direttore Relazioni Industriali Federchimica) e Massimo Bottelli (Direttore Area Lavoro Assolombarda) Il leader della Fim Bentivogli dichiara: il tema che verrà affrontato oggi, quello della rappresentanza e del decentramento contrattuale, dovrebbe diventare sempre più centrale nel Paese, non solo per chi vive direttamente i corpi intermedi, ma perché riguarda l’idea stessa di democrazia. Per Bentivogli in questo senso - c’è bisogno di un sindacato che riacquisti il ruolo di soggetto “educatore sociale” e con esso una forte capacità generativa sociale, indispensabile per gestire i cambiamenti che la quarta rivoluzione industriale ci pone. In questo senso il sindacato deve realizzare il “Piano delle 3R”: compiere cioè scelte Rifondative, Radicali e Rigeneratrici. Contrattare in azienda e sul territorio significa acquisire potere e la contrattazione rappresenta una fondamentale palestra di democrazia, senza la quale consegniamo le persone con le mani legate ai populisti. Dobbiamo riavviare la macchina della democrazia diffusa, ricostruendo fiducia e identità nazionale sul lavoro. E’ il momento – conclude - di volare altro e lanciare poche sfide, ma tutti insieme.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa