Agricoltura. Fai, Flai e Uila incontrano il Ministro Martina su caporalato e sfruttamento

Roma, 28 settembre 2016. Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil hanno incontrato, nel tardo pomeriggio di ieri, il Ministro Maurizio Martina per un confronto sui temi del caporalato e dello sfruttamento nel settore agricolo. I sindacati hanno espresso soddisfazione per l'approvazione in Senato del DDL 2217 contro il caporalato e auspicano che il prosieguo dell'iter del provvedimento alla Camera sia veloce e confermi la positività del lavoro fin qui svolto. Si tratta, infatti, hanno sottolineato i sindacati, di un testo importante e necessario al contrasto del fenomeno del caporalato e dello sfruttamento, che colpisce, oltre ai caporali, anche le aziende che ad essi si rivolgono. Durante l'incontro con il Ministro, inoltre, è stata ribadita la positività del Decreto correttivo al Jobs Act, votato recentemente dal Cdm, per quanto riguarda l'uso dei voucher in agricoltura. Il limite dei 2000 euro per singolo committente e la comunicazione di avvio al lavoro entro tre giorni rimettono sul giusto binario lo strumento voucher, contrastandone abusi e usi distorti nel settore agricolo. Ovviamente, sarà necessario vigilare sulla corretta attuazione di quanto previsto. Fai, Flai e Uila sono convinte che il DDL e un uso corretto dei voucher, saranno un reale ed efficace argine per fermare il triste ed odioso fenomeno dello sfruttamento e del mercato delle braccia, che colpisce duramente il settore agricolo.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa