P.a. Cgil Cisl Uil chiedono convocazione urgente dal parte della ministra Madia

Roma, 12 ottobre 2016. "Sono trascorsi diversi mesi dall’incontro di fine Luglio nel quale vi erano stati affidamenti sia sul fronte dell’avanzamento del confronto rispetto ai temi del rinnovo dei contratti pubblici, sia sul lavoro di redazione del nuovo Testo Unico sul lavoro pubblico oggetto di delega della Legge 124/15. Ad oggi non si è prodotta alcuna formalizzazione di nuovi incontri aventi per oggetto entrambi i temi, sebbene vi siano stati incontri informali in ARAN il cui esito non è ancora noto". Questo il testo della lettera che Cgil, Cisl e Uil hanno inviato alla Ministra Madia chiedendo di essere  convocati urgentemente in merito, appunto,  al rinnovo dei contratti pubblici. 

I sindacati si dichiarano  preoccupati "dall’assenza di qualsiasi riscontro, come da noi auspicato e sollecitato, sulla volontà ad orientarsi verso innovazioni della normativa contrattuale che regola le relazioni sindacali e sulla necessità di investire un adeguato e significato incremento di risorse da destinare al rinnovo dei contratti nazionali.  In considerazione dei numerosi annunci e impegni più volte resi noti -concludono Cgil Cisl Uil- anche da esponenti del Governo sul rinnovo dei contratti, a cui non è stato dato seguito, e dopo anni di blocco della contrattazione, chiediamo di essere urgentemente convocati  sui temi su esposti".

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa