Pensioni. Furlan: "Con l'accordo un sostegno concreto ai piu' deboli"

Norcia, 12 Ottobre 2016 - "Non era per nulla facile o scontato cambiare alcuni aspetti della legge Fornero. Tra l'altro era dal lontano 2007 che non si concordava un intervento così dettagliato e corposo sulla previdenza, ben 6 miliardi in tre anni con un sostegno reale per i più deboli della societa". Così la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, concludendo a Norcia i lavori del Consiglio Generale della Cisl Umbra. "E' importante -tiene a sottolinea la leader della Cisl - aver fatto passare il concetto che sulle questioni della previdenza e del lavoro, il dialogo con il sindacato è un valore aggiunto" e con ll'accordo siglato con il Governo "abbiamo modificato l'impostazione assolutamente sbagliata che tutti i lavori sono uguali".

La Segretaria generale della Cisl è poi tornata a ribadire che "non tutti i lavori comportano lo stesso grado di fatica e di disagio psicofisico. Non si può stare su una impalcatura o su una gru a 20 metri d'altezza fino a 67 anni, così come non è accettabile lavorare nelle corsie degli ospedali o nelle scuole d'infanzia in età avanzata". E ha ricordato. "La legge Fornero, la peggiore d'Europa aveva commesso l'errore di innalzare l'età pensionabile a prescindere dall'attività che si svolge. Aver affermato invece che ci vuole un regime flessibile e che si può andare in pensione a 63 anni con l'ape sociale se un lavoratore si trova sprovvisto di ammortizzatori sociali, è disabile o è occupato in alcune attività particolarmente gravose è un fatto di giustizia sociale e di equità. Questo significa aver messo in prima fila i problemi di chi è più in difficiltà, di chi ha più bisogno. Perché la giustizia sociale è uno dei pilastri della crescita. E se non si riforma la previdenza è complicato offrire nuove opportunità di lavoro ai giovani evitando che fuggano purtroppo all'estero"ha concluso.

Leggi anche: 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa