P.A. Faverin (Fp Cisl): Per pubblico e privato vogliamo stesse regole su tfr

Torino, 20 novembre 2016. “Tutti i lavoratori hanno diritto alla liquidazione dal momento in cui cessano dal servizio. La norma sul Tfs dei lavoratori pubblici, che posticipa ingiustamente il pagamento della liquidazione, va cambiata. Per pubblico e privato vogliamo stesse regole e stesse opportunità”. Così Giovanni Faverin, segretario generale della Cisl Fp, dal palco del Congresso straordinario della Federazione piemontese, in corso oggi a Torino. Il leader della funzione pubblica Cisl, rilanciando la mobilitazione per il contratto e l’innovazione nel lavoro pubblico, ha chiesto con forza al Governo - già con la legge di stabilità - la cancellazione di una “norma discriminatoria e sbagliata che pesa sui bilanci familiari di tanti neo-pensionati del pubblico impiego”. Laddove un lavoratore del privato deve attendere un mese o poco più per incassare il suo trattamento di fine rapporto, un dipendente della pubblica amministrazione deve infatti attendere due anni anche per assegni inferiori a 50.000 euro lordi. Un tempo lunghissimo che arriva a ben 3 anni per l’eventuale quota di pensione compresa tra i 50.000 e 99.999 euro e fino a 4 anni per la quota che supera i 100.000 euro. “Per cambiare il lavoro pubblico e i servizi a persone e imprese servono meno norme e più contratti. Sulle liquidazioni, così come sulla previdenza complementare e sulla detassazione dei premi di produttività per pubblico e privato devono valere le stesse condizioni e le stesse occasioni di crescita e di sviluppo professionale”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa