Pa. Il Governo scippa i soldi della produttività dei dipendenti ministeriali

Roma, 23 luglio 2015. "Un vero e proprio scippo ai danni dei lavoratori e dei servizi ai cittadini. Nel disegno di legge di assestamento del bilancio dello Stato sono sparite le risorse contrattuali per i lavoratori dei ministeri che servono a retribuire la produttività. Risorse stanziate ogni anno, per finanziare il prolungamento dell'orario di apertura degli uffici e l'ampliamento dell'offerta di servizi. Ma anche l'allungamento dei turni di lavoro e i festivi". Rossana Dettori, Giovanni Faverin e Nicola Turco - segretari generali di Fp-Cgil Cisl-Fp Uil-Pa - denunciano l'ennesimo gioco di prestigio dell'esecutivo. "Trucco che affosserebbe definitivamente la fiducia degli stessi lavoratori nello Stato, e soprattutto servizi strategici per il Paese: beni culturali, tribunali, prefetture, sicurezza del lavoro".

"E' la prima volta nella storia della Repubblica che il governo, non solo tiene ancora bloccati i contratti fermi da 6 anni, ma mette le mani nelle tasche dei lavoratori, scippando risorse contrattuali per 80 milioni di euro" rimarcano i segretari delle tre federazioni. "Chiediamo al presidente del Consiglio Matteo Renzi e al ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan l'immediata restituzione dei soldi dei lavoratori, ripristinando lo stanziamento nel ddl di assestamento per l'anno 2015 attualmente in discussione in Senato".

"Altro che riforma epocale della pubblica amministrazione. Con questo sistema si bloccano i servizi. Scriveremo a tutti i ministri e i capigruppo di Camera e Senato chiedendo un incontro immediato per spiegare loro il danno che si farebbe ai cittadini tagliando le retribuzioni dei lavoratori pubblici", annunciano Dettori, Faverin e Turco.

"Il 29 luglio porteremo in piazza anche queste ragioni. Saremo a Palazzo Vidoni, davanti al Ministero della Funzione Pubblica, con una grande manifestazione di protesta. E se non avremo risposte, siamo pronti ad andare avanti anche a Ferragosto", concludono.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa