P.A. : Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl: “Ancora discriminazioni per la Polizia Locale. Vietato votare nelle zone terremotate”

Roma, 5 dicembre 2016. “Abbiamo appreso con stupore dalla stampa la decisione del Ministero dell’Interno di non far votare gli appartenenti alla Polizia Locale, proveniente da altri comuni attualmente impegnati nelle operazioni di soccorso nelle zone terremotate, nei seggi di tali zone.” Dichiarano in un comunicato le tre federazioni nazionali del pubblico impiego. “Tale possibilità è stata autorizzata ai militari ed alle altre forze dell’ordine statali, creando ancora una volta, nonostante la Polizia Locale svolga le medesime funzioni, una palese discriminazione che va ad assommarsi a tutte quelle che nei giorni scorsi abbiamo già evidenziato e che ha portato le scriventi organizzazioni sindacali il giorno 13 dicembre 2016 vicino al Senato a Roma in Piazza delle Cinque Lune, ad organizzare un presidio per chiedere la modifica della legge di stabilità, attualmente in discussione, per eliminare le discriminazioni della Polizia Locale in tema di equo indennizzo e causa di servizio – proseguono - Abbiamo inviato un urgente telegramma al Ministro Alfano ed al Presidente dell’ANCI Decaro, per chiedere l’estensione anche alla Polizia Locale impegnata nelle attività di sicurezza e sostegno delle comunità colpite dal terremoto di poter esercitare il loro diritto costituzionale di esercizio al voto, senza privare allo stesso tempo le popolazioni della preziosa presenza di tale personale, alla stregua degli altri appartenenti alle forze di polizia statali.” Così concludono i tre Segretari nazionali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, Bozzanca, Volpato e Ilari.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.