Contratti. Cgil, Cisl, Uil e Confindustria discutono i contenuti del "patto della fabbrica"

Roma, 7 dicembre 2016 - In un momento di crisi politica e istituzionale le parti sociali si sono viste oggi per confrontarsi e condividere le rispettive analisi sulla situazione economica e sulle misure possibili per rimettere in moto la crescita, gli investimenti, l'occupazione. Cgil, Cisl, Uil e Confindustria hanno discusso i contenuti del "patto della fabbrica", che richiede un intervento organico su innovazione, formazione, conoscenza, giovani e Mezzogiorno, e hanno concordato sulla necessità di sostenere un'idea di politica economica e industriale nazionale che dia forza alla competitività delle imprese e impulso alla crescita occupazionale. A questo scopo, le parti hanno deciso di proseguire il confronto sui temi del welfare, della bilateralità, del riordino della rappresentanza e dei perimetri contrattuali. Temi che contribuiranno a definire un quadro organico e propedeutico alla discussione sul ruolo della contrattazione, che dovrà essere di riferimento in futuro. Le parti sociali, inoltre, hanno colto l'occasione per sollecitare l'attuazione dell'accordo siglato il 1° settembre sulla gestione delle crisi aziendali.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.