Sindacato. Prosegue con la Fist Cisl Abruzzo Molise il percorso di costituzione dei livelli regionali della Federazione dei sindacati del Terziario

Roma, 12 dicembre 2016. Prosegue il percorso di costituzione dei livelli regionali della Fist Cisl, la federazione dei sindacati del terziario nata nel 2014 dalla sinergia delle categorie cisline Fisascat Cisl e Felsa Cisl, rispettivamente rappresentative dei lavoratori del commercio, turismo e servizi e dei lavoratori autonomi, atipici e somministrati. Oggi i consigli generali delle federazioni interregionali Fisascat Cisl e Felsa Cisl Abruzzo/Molise hanno deliberato a Pescara di dare vita alla nuova Fist Cisl Abruzzo/Molise, forti di una solida base associativa che complessivamente conta oltre 8mila iscritti. «La costituzione della nuova Fist Cisl Abruzzo/Molise rappresenta una opportunità per consolidare ulteriormente la rappresentanza del nuovo sindacato del terziario, comparto che in queste due regioni ha dimostrato di avere una maggiore capacità di resistenza nelle fasi cicliche negative del mercato rispetto agli altri settori» ha dichiarato il segretario generale della Fisascat Abruzzo Molise Leonardo Piccinno. «I dati sul mercato del lavoro parlano chiaro; nei primi sei mesi del 2016 è proseguita la dinamica favorevole dell’occupazione con un +1,6% in Abruzzo e un +4,4% in Molise» ha aggiunto il sindacalista. «La sfida della Fist Cisl sarà dunque quella di intercettare le nuove forze lavoro con l’obiettivo di garantire diritti e tutele contrattuali indistintamente dalla tipologia del rapporto di lavoro» ha concluso Piccinno. Una sfida accolta pienamente dalla Felsa Cisl Abruzzo/Molise. «Con la realizzazione del progetto di costituzione della Fist Cisl Abruzzo/Molise ci assumiamo una grande responsabilità, quella di tutelare il lavoro dipendente, autonomo, atipico e somministrato nel comparto dei servizi, destinato ad assumere un ruolo crescente nella nostra economia» ha dichiarato il segretario generale della categoria cislina Fabio Benintendi. Alla riunione dei direttivi regionali ha presenziato il segretario organizzativo nazionale della Fist Cisl Rosetta Raso insieme al collega di segreteria Ivan Guizzardi. «Anche in Abruzzo e in Molise la nuova Fist Cisl nasce con l'obiettivo di supportare il processo di terziarizzazione dell’economia, in linea con le differenti dinamiche regionali» ha dichiarato Raso. «La nuova Fist Cisl interregionale risponde all’esigenza di contrastare la crescente precarietà che ha colpito prevalentemente i giovani e le donne, soprattutto se consideriamo che la quota dei contratti di lavoro subordinati si è ridotta in queste regioni da un terzo a un quarto, complice anche il ridimensionamento della decontribuzione sulle assunzioni a tempo indeterminato» ha concluso la sindacalista commentando i dati dell’Osservatorio sul precariato diffusi dall’Inps. Sale così a quota diciotto il numero delle federazioni regionali Fist Cisl ad oggi costituite. Dopo il Veneto, l’Emilia Romagna, la Toscana, la Liguria, il Lazio, la Calabria, il Piemonte, la Lombardia, la Sardegna, il Friuli Venezia Giulia, l’Umbria, la Sicilia, le Marche, la Valle D’Aosta, il Trentino Alto Adige, la Campania, l'Abruzzo e il Molise, il percorso istitutivo dei livelli regionali Fist Cisl proseguirà nei prossimi giorni in Puglia e in Basilicata.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.