Trasporti. Pellecchia (Fit Cisl): l’acquisizione di Nxet da parte di Fs dimostra che la privatizzazione non è via obbligata per l’internazionalizzazione del Gruppo

Roma, 11 gennaio 2017. “Prendiamo atto con piacere della notizia secondo cui Fs ha acquisito la britannica Nxet: questo conferma le nostre tesi, secondo le quali la privatizzazione non è condizione propedeutica alla internazionalizzazione della stessa Fs”, così dichiara Salvatore Pellecchia, Segretario nazionale della Fit-Cisl, in merito alla acquisizione di Nxet da parte di Fs, che così si espande sul mercato britannico. “In particolare – prosegue Pellecchia – le modalità di privatizzazione indicate da Fs (l’Ipo, l’offerta in borsa delle azioni delle Frecce), se fossero attuate così come annunciate alla stampa, potrebbero determinare una crisi industriale dell’intero gruppo: Trenitalia infatti risulterebbe indebolita, dal punto di vista industriale, dallo spacchettamento delle Frecce. Al tempo stesso il trasporto pendolari e quello universale ne uscirebbero penalizzati. Rinnoviamo la nostra richiesta di incontro all’Ad Mazzoncini per affrontare insieme il tema della privatizzazione, che diventa ogni giorno più urgente, al fine di esaminare tutte le controindicazioni dell’operazione Frecce e valutare le più idonee alternative”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.