Alitalia. Furlan: “Dal Ministro Calenda osservazioni corrette. Ma ora serve aprire confronto serio sul futuro della compagnia”

Roma, 12 gennaio 2017. "E' inaccettabile che si parli nuovamente di esuberi e di taglio al costo del lavoro in Alitalia senza che sia stato presentato un serio piano industriale" . Lo ha detto a Bologna a margine di una iniziativa del sindacato, la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan. "E' molto corretta la posizione espressa oggi dal Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda. Non si possono scaricare le responsabilità evidenti del management ancora una volta sui lavoratori. E' un film già visto altre volte in Alitalia. Se ci sono dei problemi di gestione e di business plan, la compagnia non può scaricarli sui lavoratori o sulle condizioni salariali. Per questo è opportuno che si apra un confronto serio tra l'azienda ed il sindacato, con un ruolo attivo e responsabile del Governo, per dare una prospettiva di sicurezza al trasporto aereo e garanzie alle tante lavoratrici ed ai lavoratori di Alitalia che in poco meno di otto anni hanno già subito pesanti ripercussioni sul piano occupazionale".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.