Lavoro. Petteni: "Non più ritardi per l’avvio dell’Assegno di ricollocazione"

Roma, 8 febbraio 2017 - "Dopo tanti annunci e attese questa deve essere la volta buona, la Cisl chiede che non ci siano più ritardi nell'avvio dell'Assegno di ricollocazione”. Lo sostiene in una nota il Segretario Confederale della Cisl Gigi Petteni, commentando l'annuncio del ministero del Lavoro relativo alla partenza nei prossimi giorni delle 25mila lettere rivolte ai disoccupati per l'avvio dell'Assegno di ricollocazione dopo la riunione di ieri con le Regioni. "Sono tanti i disoccupati che attendono già dallo scorso anno quanto stabilito dal Jobs act - sottolinea Petteni - ovvero di essere presi in carico dai servizi all'impiego pubblici e privati e avviati verso una ricollocazione, un nuovo posto di lavoro, ulteriori ritardi non saranno da noi più tollerati."
"Se era giusto dopo gli esiti del referendum trovare una intesa con le Regioni - continua il sindacalista - ora bisogna recuperare il tempo perso. Le politiche attive, valide anche per i giovani nella difficile transizione scuola-lavoro, devono diventare il principale campo di impegno di Governo e di tutte le parti sociali”. "La Cisl - conclude Petteni - dai prossimi giorni avvierà un’apposita campagna in tutti i luoghi di lavoro, con video e volantini dedicati, per informare iscritti e lavoratori su cosa sono le politiche attive e sulla loro utilità. Come sindacato intendiamo far capire a chi perde un posto di lavoro che non sarà lasciato solo e che la ricollocazione nel nostro Paese deve diventare un diritto importante".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.