Migranti. Ancora vittime al 'ghetto' di Rignano in Puglia. Fai Cisl: "Fare al più presto chiarezza sull'accaduto"

Roma, 3 marzo 2017 - Dopo il rogo di questa notta al ghetto di Rignano, che ha portato alla morte di due immigrati del Mali, il Segretario generale della Fai Cisl,Luigi Sbarra chiede che "si faccia subito chiarezza sull'accaduto e si pongano immediatamente le condizioni per operare lo sgombero in piena sicurezza".
 "Ancora vittime, ancora grida di dolore  - sottolinea - che chiamano in causa le responsabilità di spietati caporali ma anche le inefficienze di istituzioni troppo lente e di politiche non all'altezza dell'emergenza. Ogni ora in più è un'ora persa. Bisogna agire subito, - conclude Sbarra - garantire a tutte le persone coinvolte un soccorso rapido, efficace, dignitoso e mettere in campo concretamente quel ventaglio di strumenti di sostegno su politiche abitative, trasporti, integrazione che il sindacato di categoria ha conquistato ma che ancora faticano a decollare sui territori".

 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa