Ferrovie. Fit-Cisl, inevitabile lo sciopero dei lavoratori del settore appalti

 

Roma, 11 marzo - "A tre mesi dalla firma del rinnovo del ccnl della Mobilità ferroviaria c’è ancora chi si rifiuta di applicare le regole contrattuali condivise: tante imprese e, quel che è peggio, anche alcune associazioni datoriali adducono motivazioni pretestuose o persino fantasiose perché sperano di continuare a battere la concorrenza puntando più sul costo del lavoro che non sulla qualità del servizio offerto".

Così la Fit-Cisl in una nota sul triste primato dello sfruttamento dei lavoratori nel settore degli appalti. "E noto a tutti -  sottolinea - come siano ancora tantissime le realtà imprenditoriali che si rifiutano di cambiare mentalità. Continuando così, lo sciopero nel settore ferroviario sarà inevitabile". 

 

La Segreteria nazionale della Fit Cisl unitamente a Filt-Cgil, Uiltrasporti, Ugl Af, Fast-confsal e Salpas Orsa, ha pertanto avviato l’inizio della seconda fase delle procedure di raffreddamento e conciliazione nell’ambito degli appalti ferroviari, fase che, in base alla legge 146/90 e s.m.i., è l’anticamera dello sciopero.

"Arrivati a questo punto  - prosegue la nota - è giusto fare i nomi delle realtà imprenditoriali in cui intendiamo indire una protesta: le parti datoriali sono Federlavoro-Confcooperative, Fise-Uniferr e Lega Coop; le aziende sono Cimar, Clean Service Soc. Coop., Cnsl e Imprese Associate, Compass, Consorzio Euro Global Service e Imprese Associate, Consorzio Gas e Imprese Associate, Consorzio Miles e Miles Servizi, Consorzio Work Artemide e Imprese Associate, Coopservice, Dussmann Service,Euro&Promoss, Gedis, Gesafin, Gierre, Gsn e Consorzio Sam, Ibm Building Maintenance, Iprams, Iscott, Il Poliedro, La Cascina, Manitalidea, Manutencop, Miorelli, Mondus, Pulitori e Affini, Res Nova, Roma Multiservizi, Spd Srl, Team Service.

"Il sindacato torna a chiamare in causa anche chi affida le attività a tali imprese e cioè i committenti Grandi Stazioni, Trenitalia, Rete ferroviaria italiana e Ferservizi che, preoccupandosi solo di spuntare il prezzo più basso, si disinteressano di come sono trattati i lavoratori degli appalti: occorre cambiare subito strada, perché quelle che sembrano scorciatoie con l’andar del tempo si rivelano essere vicoli ciechi!"

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa