Caporalato. Sbarra (Fai Cisl): "Sì a confisca beni, attivare strumenti partecipati"

Roma, 4 Settembre 2015 - "Pienamente condivisibile il progetto del Governo di estendere le responsabilità penali connesse allo sfruttamento del lavoro agricolo e al caporalato, anche prevedendo la confisca dei beni e della ricchezza fondata sulla violazione dei diritti dei lavoratori". Lo afferma in una nota Luigi Sbarra, Segretario confederale Cisl e Commissario nazionale della Fai-Cisl. "Vanno pensate soluzioni che riqualifichino i beni sequestrati, anche in funzione di accoglienza, formazione e inserimento sociale e occupazionale dei lavoratori stagionali, migranti e non. Occorre poi mettere in campo misure premiali per le aziende che aderiscono alla Rete del lavoro di qualità e che rispettano la legislazione e la contrattazione sul lavoro, e sanzioni più aspre, con la revoca di qualunque tipo di sostegno pubblico, per le realtà non in regola. È una battaglia che si vince insieme quella al caporalato: è fondamentale dare piena attuazione a uno strumento qual'è la Cabina di Regia istituita da Governo e Parti sociali presso l'Inps per orientare in modo collegiale i controlli. La Cisl chiede infine l'istituzione di un Tavolo interministeriale permanente partecipato dal sindacato e dalle rappresentanze datoriali agricole, con cui monitorare e contrastare il fenomeno al di fuori di una logica di emergenza. Le Parti sociali agricole hanno oggi l'opportunità e il dovere di rilanciare la propria azione. Mondo del lavoro e dell'impresa devono operare di concerto per rendere più radicato ed efficace il presidio sui territori, garantendo tutela, servizi e formazione di qualità. I margini sono ampi, e fanno leva sulla valorizzazione della bilateralità e sulla contrattazione nazionale e decentrata provinciale. Come Fai-Cisl, siamo pronti a fare la nostra parte", conclude Sbarra.

Leggi anche:

Caporalato.  Lapadula (Fai Cisl Basilicata): Il fenomeno va prevenuto con piena attuazione legge 199 Caporalato. Lapadula (Fai Cisl Basilicata): Il fenomeno va prevenuto con piena attuazione legge 199
Potenza, 31 agosto 2017 – “Le recenti operazioni indicano che siamo sulla strada giusta per quanto riguarda il contrasto al caporalato, ma resta...
Censis. Sbarra (Fai Cisl): Censis. Sbarra (Fai Cisl): "Determinanti fattori di integrazione e cittadinanza per i lavoratori immigrati"
Roma, 1 dicembre 2017. “I risultati del Censis ci raccontano di un Paese diviso tra voglia di riscatto e risentimento sociale: una transizione da...
Puglia. Sindacati: Puglia. Sindacati: "Sottoscritto piano di azione contro il caporalato"
Taranto, 6 dicembre 2017. I sindacati tutti, Cgil Cisl Uil, con le rispettive Federazioni di categoria Flai Cgil Fai Cisl Uila Uil plaudono alla...
Emilia Romagna. Ballotta (Cisl): Emilia Romagna. Ballotta (Cisl): "Buona legge su Caporalato, ma il fenomeno va stroncato"
Emilia Romagna, 11 gennaio 2018. Lo afferma il segretario generale della Cisl Emilia Centrale William Ballotta commentando l’operazione condotta...
Caporalato.  Sbarra (Fai cisl): Caporalato. Sbarra (Fai cisl): "Chiediamo chiarezza su rogo Rosarno"
Roma, 27 gennaio 2018. “ Stavolta è la vita di una donna che chiama in causa la responsabilità di spietati caporali, e con esse l'inefficienza di...
Lavoro. Sbarra: Lavoro. Sbarra: "Ripresa non è ancora abbastanza robusta. Più politiche di sviluppo, più politiche attive, più incentivi per favorire le assunzioni stabili"
Roma, 31 maggio. "I dati Istat di aprile confermano i segnali di ripresa del mercato del lavoro: continua la crescita degli occupati, si riducono gli...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa