Sicurezza. Fns Cisl apprezza impegno del ministro dell'interno su comparto VV.FF. ma le risorse non sono ancora sufficienti

Roma, 5 aprile 2017. La  Fns Cisl, Federazione Nazionale della Sicurezza della Cisl, apprezza l' impegno del Ministro dell' Interno, Marco Minniti, in merito alle risorse destinate al comparto dei Vigili del Fuoco, pur se -come ha dichiarato Pompeo Mannone, Segretario nazionale della Fns, "non sono comunque sufficienti ad equiparare la retribuzione del Corpo con quella degli altri operatori delle Forze dell' Ordine".

"Per quanto riguarda il protocollo d'intesa tra l'Arma dei carabinieri ed il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco sulla ridistribuzione dei compiti in materia di antincendio boschivo, prima spettanti al disciolto Corpo Forestale dello Stato- continua Mannone- era di sicuro opportuno e necessario per poter chiarire le competenze dei Vigili del Fuoco. Chiediamo ora al Governo di riconoscere al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco il coordinamento di tutti i soccorritori che intervengono negli scenari emergenziali. Nella fase acuta delle emergenze, infatti, quando bisogna salvare le persone e mettere in sicurezza i beni per garantire un servizio migliore alla cittadinanza, diventa vitale riconoscere il coordinamento dei soccorsi al Corpo dei Vigili del Fuoco in ragione della professionalità manifestata sul campo in tanti momenti difficili e delicati. Otre a coordinare il soccorso il personale del Corpo potrebbe anche contribuire all'attività di messa in sicurezza del territorio avendo tra le sue fila ingegneri, architetti, geometri e periti industriali esperti, in termini strutturali, di stabilità delle edificazioni". "Confidiamo pertanto- conclude Mannone- che il Governo migliori il sistema e valorizzi le competenze del Corpo nell'interesse generale dei cittadini".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.