Agroalimentare. Consorzi agrari: rinnovato il contratto. Fai Cisl: "Importante il ruolo della contrattazione"

10 aprile 2017. Siglato tra Fai Cisl, Flai Cgil Uiltucs Uil, Sinalcap e Assocap per la parte datoriale il rinnovo del contratto nazionale per i dipendenti dei consorzi agrari. "Un rinnovo importante, frutto di un lungo e complesso confronto, con cui abbiamo difeso e consolidato tanti istituti contrattuali, conquistando nel contempo innovazioni sia sul piano normativo che salariale" ha commentato il segretario generale della Fai Cisl, Luigi Sbarra. 
"Avanzamenti significativi riguardano il welfare contrattuale e la bilateralità, l'organizzazione del lavoro, le politiche sui congedi parentali e per la famiglia, nonché il contrasto alle disparità di genere e le tutele relative ai mutamenti di mansione e di livello. Si aggiunge la conferma di un salario di garanzia per le aziende che non applicano il livello decentrato, che prevede la corresponsione di un premio del 2 per cento per 14 mensilità al lavoratore. Per la parte economica, l’accordo prevede inoltre la copertura della vacanza contrattuale con un importo di 90 euro da erogare nel mese di aprile per tutti i lavoratori e un incremento delle retribuzioni di 50 euro a regime. Insomma, un testo di forte concretezza e pragmaticità, che intercetta tutte le opportunità nel difficile momento attuale, rimettendo in gioco il ruolo della contrattazione e il valore di un contratto essenziale per lo sviluppo di strutture imprescindibili per il mondo dei consorzi agrari".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.