Edilizia. Sindacati: Gli stanziamenti devono essere spesi per gli investimenti

Roma, 12 aprile 2017. “Positivi sono gli stanziamenti fatti nei due anni passati e quelli deliberati dal Consiglio dei Ministri di ieri in attuazione della legge di Bilancio 2017, ma il problema è che tali risorse stanno da troppo tempo rimanendo nei cassetti o vengono usate per coprire spese correnti e non investimenti. Le risorse ci sono: il problema è che non vengono spese ed i cantieri non partono, sia per grandi che per piccole e medie opere pubbliche. Così la ripresa non ci sarà e aumenterà disoccupazione e lavoro nero”. È quanto affermano in una nota Vito Panzarella, Franco Turri e Alessandro Genovesi, Segretari Generali di FenealUil, Filca Cisl e Fillea Cgil. I sindacati lanciano oggi “un vero e proprio allarme sociale: mentre si sta giustamente discutendo delle regole del gioco - il Codice degli Appalti - dove note sono le diverse posizioni in campo, temiamo che si stia sottovalutando cosa si debba fare una volta iniziata la partita.” Per i sindacati le stazioni appaltanti “sono troppo e per molti versi non qualificate per mettere presto in assegnazione lavori ed opere, le amministrazioni locali sono ripiegate sulla spesa corrente e non sugli investimenti, i piani industriali di grandi soggetti come Anas e Ferrovie arrancano” ed in tutto questo “il settore delle costruzioni fa fatica ad agganciare la ripresa, l’occupazione stagna e aumenta il lavoro nero e la corsa al ribasso. Se non si attivano presto e bene le decine e decine di cantieri per cui le risorse sono state già stanziate rischiamo di perdere tutti”. Dai Segretari Generali degli edili quindi l’appello affinché Governo, Enti locali, Imprese, forze politiche e sociali “assumano il tema della realizzazione concreta degli investimenti in opere pubbliche ed infrastrutture come prioritario per l’agenda del Paese” proseguono i leader degli edili Cgil Cisl Uil, che al contempo chiedono “di agire su due fattori fondamentali per la qualificazione del nostro sistema: da un lato serve maggiore selettività delle imprese, premiando le imprese più serie, che applicano i contratti di settore, investono in formazione e sicurezza per i propri dipendenti e che vogliono investire. Dall’altra dobbiamo facilitare un cambio generazionale nel settore, permettendo a migliaia di operai edili ultra sessantenni di poter andare in pensione, riducendo gli attuali paletti previsti per l’Ape Agevolata (troppi sono i 36 anni di contributi ed i 6 anni continuativi per un edile) e permettendo a migliaia di giovani tecnici, formati per l’anti sismico e la riqualificazione energetica, di entrare in azienda - concludono i sindacati - e aiutare il settore a quel salto tecnologico e di competenze non più rinviabile.”

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa