Appalti. Luciano: “Aver tagliato le unghie all'anticorruzione o è un errore o è un brutto segnale che ci vede fortemente contrari”

Roma, 20 aprile 2017. "Non possiamo credere alla cancellazione del comma 2 dell'articolo 211 del nuovo codice degli appalti: deve essere per forza un errore al quale va posto rimedio celermente". Lo dichiara in una nota il Segretario Confederale della Cisl, Giovanni Luciano, commentando la soppressione del comma che dava specifici poteri all'Anac. "Depotenziare il ruolo dell'anticorruzione nel codice appalti- continua Luciano- non può essere l'indirizzo politico di nessun Governo in Italia, un paese afflitto dalla piaga della corruzione che l'anno scorso ci è costata ben 5,6 miliardi di euro. Si rimedi subito, non si può far firmare al Presidente della Repubblica un testo manipolato a valle di un percorso che ha visto il coinvolgimento degli stakeholders e del Parlamento". "Il Codice deve essere baluardo contro la corruzione- conclude Luciano. Aver tagliato le unghie all'anticorruzione o è un errore o è un brutto segnale che ci vede fortemente contrari".

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa