Banche. Battistini (First Cisl): Piano Ubi non tocchi i salari

Roma, 11 maggio 2017. I 4000 esuberi complessivi dichiarati e la chiusura di oltre 370 sportelli costituiscono una nuova sfida per verificare la solidità delle relazioni industriali nel Gruppo e la concretezza dei valori etici e sociali conclamati dal vertice di Ubi”: è questo il commento di Riccardo Colombani, della segreteria nazionale di First Cisl, all'aggiornamento del piano industriale di Ubi dettato dall'acquisizione delle tre bridge banks. “L'obiettivo di cost-income al 52%, inclusi gli oneri di ristrutturazione - aggiunge Andrea Battistini, coordinatore di First Cisl in Ubi -, ci fa temere che ci sia la volontà di ridurre progressivamente il salario dei lavoratori, ipotesi per noi insostenibile dopo anni di grandi sacrifici richiesti alla categoria”. “Attendiamo l'incontro con il ceo – conclude Battistini - per avere chiarimenti e verificare se ci saranno condizioni adeguate per avviare un confronto costruttivo che possa portare a un'intesa complessiva, nel solco degli accordi precedenti, che preveda nuove assunzioni e l'utilizzo di strumenti attivabili su base volontaria”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.