Legalità. Sindacati: Solidali con i Palestinesi prigionieri

Roma, 12 maggio 2017. 1600 prigionieri palestinesi, attraverso le voci e le testimonianze dei loro familiari e dei loro avvocati, hanno denunciato le condizioni di isolamento e di maltrattamenti di cui sono sistematicamente vittime: dalla negligenza per le cure sanitarie alle detenzioni amministrative illimitate, dalle forti ed ingiustificate restrizioni e ostacoli per le visite familiari alle detenzioni in violazione alla IV Convenzione di Ginevra, che obbliga la forza occupante a detenere i prigionieri nei territori occupati e non a trasferirli nel proprio territorio. Una denuncia che ha portato tutta la comunità palestinese a realizzare il giorno 28 aprile uno ‘sciopero per la libertà e per la dignità’ che ha visto le serrande abbassate in tutta la Cisgiordania e una partecipazione come da decenni non si vedeva nei territori palestinesi. Cgil, Cisl, Uil, insieme alla Confederazione Sindacale Internazionale (CSI), esprimono il loro sostegno e la loro solidarietà alle iniziative pacifiche e non violente in corso in Palestina e in molte città di ogni parte del mondo per chiedere alle autorità israeliane l’immediato rispetto dei diritti umani fondamentali per i prigionieri palestinesi, in sciopero della fame dal 17 aprile scorso. Il rispetto dei diritti umani, per ogni donna e per ogni uomo, in qualunque situazione si trovino, è la condizione imprescindibile per costruire la pace e la convivenza, per rispondere con la forza e le ragioni del diritto alla follia della violenza. Infine, Cgil, Cisl, Uil ribadiscono il loro sostegno e impegno per la ripresa del processo di pace e la concreta affermazione del principio di 'due stati per due popoli', quale condizione per la pace giusta e duratura tra palestinesi ed israeliani.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.