Ferrovie. Sindacati trasporti: prosegue la mobilitazione per il contratto dei lavoratori impegnati nei servizi in appalto

Roma 17 maggio 2017. “La protesta, che ha portato alla proclamazione di due scioperi, proseguirà fino a quando non sarà riconosciuto il nuovo Ccnl a tutti coloro che operano negli appalti”. Lo affermano unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl AF, Fast Ferrovie ed Orsa in merito alla sottoscrizione del Contratto nazionale della Mobilità Area Attività Ferroviarie da parte di tutte le associazioni datoriali del settore spiegando che “ad oggi, ci sono ancora due associazioni, Legacoop Servizi e Federlavoro Confcooperative che, irragionevolmente, continuano a non volere riconoscere e sottoscrivere il contratto in questione”. “Confidiamo - sottolineano le organizzazioni sindacali di categoria - in un autorevole intervento sia da parte del gruppo FS Italiane, sia delle società committenti dei servizi concessi in appalto appartenenti allo stesso gruppo, affinché si possa mettere fine a questa vicenda assurda”. Infine Filt Fit, Uiltrasporti, Ugl AF, Fast ed Orsa pongono l’interrogativo su come sia possibile "lasciare servizi in appalto a delle società che non riconoscono il Ccnl sottoscritto da Agens in rappresentanza del Gruppo FS Italiane”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa