Sindacato. Furlan: "La Cisl fara' un progetto per rappresentare tutti i lavoratori della sicurezza"

6 giugno 2017- "La Cisl punta a rappresentare i tanti lavoratori della sicurezza che oggi non possono avere una rappresentanza sindacale. Lo faremo con un progetto inclusivo e con una interlocuzione adeguata per un tema così importante ed innovativo". Lo ha detto a Tivoli la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan al Congresso della Fns Cisl. "C'e' tanto bisogno di sindacato confederale e di creare un collante sociale adeguato in un paese in cui ci sono stati messaggi disgreganti in questi anni: giovani contro anziani, disoccupati contro garantiti". Per  Furlan il tema della sicurezza "non può essere oggetto di speculazione o diventate d'appannagio della peggiore politica o del populismo. Quando sul tema della sicurezza arriva la speculazione politica il sentimento giusto di unire le persone viene travolto da un senso di inquietudine che puo' degenerare anche in violenza. Per questo serve un ruolo del sindacato che rilanci il tema della filiera tra giustizia, sicurezza e carcere con una alleanza vera tra chi lavora nella sicurezza e le comunita' locali. Parlare di sicurezza significa parlare con i cittadini e confrontarsi con le istituzioni locali. La sicurezza e' un grande diritto di cittadinanza, ha un importante valore unificante. Noi come sindacato abbiamo il dovere di fare un progetto paese non solo per gestire meglio la fase delle emergenze ma anche per dare una maggiore serenita' alla vita quotidiana delle comunita', partendo dalla centralita' della persona e del lavoro".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.