Contratti. Siglato il rinnovo Orafi Argentieri Gioiellieri

20 giugno 2017 - Soddisfazione della Fim Cisl per il rinnovo del contratto nazionale del settore Orafi Argentieri Gioiellieri. L'intesa, sottoscritta questa mattina presso la sede di Assolombarda a Milano sulla base dell’ipotesi d’accordo raggiunta lo scorso 18 maggio tra Federorafi e le delegazioni di Fim, Fiom e Uilm, oltre a colmare un vuoto contrattuale di oltre 15 mesi, "da' risposte alle istanze di partecipazione e promozione dei lavoratori" spiega il Segretario nazionale Fim Cisl Nicola Alberta.- oltre a rappresentare un importante fattore di rilancio di un settore che unisce la tradizione del saper fare artigianale italiano, la creatività e la tecnologia. In un settore molto particolare in termini di produzione di design e qualità fortemente coinvolto dal confronto competitivo con Paesi e sistemi industriali forti quali Usa e Cina".

La sigla, che riguarda circa 30.00 lavoratori, prevede la tutela del salario dall’inflazione con un calcolo a consuntivo degli incrementi.  "Il primo aumento  - spiega ancora Alberta - scatterà dal 1 giugno 2017 e conterrà la quota determinata sulla base dell'inflazione dell'anno 2015 e dell'anno 2016, sulla base dei dati dell'indice Ipca (indice dei prezzi armonizzato a livello europeo). E’ prevista inoltre una cifra Una Tantum di 80 euro che verrà erogata a ottobre 2017.

In aggiunta le aziende erogheranno ai lavoratori a titolo di Welfare contrattuale nazionale: 100 euro a gennaio 2018; 150 euro a giugno 2019; 200 euro a giugno 2020. Queste quote sono messe a disposizione come buoni spesa, servizi di assistenza o benefits per i lavoratori e sono al netto del valore e esenti da tassazione, come prevede la legge. Mentre l’assistenza sanitaria integrativa: métaSalute, attualmente prevista per i lavoratori che vi aderiscono con contribuzione di 72 euro annue a carico dell'azienda e 36 euro annue a carico del lavoratore, viene estesa da Aprile 2018 a tutti i lavoratori e le lavoratrici e i propri familiari a carico, per un valore pari a 156 euro annue e sarà a totale carico dell'azienda.
La previdenza complementare Cometa viene rafforzata a partire da aprile 2018 prevedendo la contribuzione pari a 1,6% (entro la vigenza del contratto si verificherà la possibilità dell'aumento ulteriore di tale contribuzione), calcolata sulla retribuzione contrattuale a carico dell'azienda con il contributo minimo del lavoratore dell’1,2%. Sul fronte della formazione continua, questa diventa un diritto soggettivo del lavoratore con l'obbligo per le aziende di fornire una formazione di almeno 24 ore nel triennio a tutti i lavoratori. Introdotta inoltre la possibilità di frazionamento ad ore dei congedi parentali, rafforzamento del Part-time, e misure di conciliazione vita lavoro.

 

Roma, 20 giugno 2017

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa