Province e CpI. Cisl: "Mancano risorse finanziarie per garantire i servizi. Pronti a mobilitazione territoriale e nazionale"

Napoli, 21 giugno 2017 - Si è tenuta oggi, 21 giugno, a Napoli, presso l’Hotel Ramada, la seconda giornata del convegno “Salvaguardiamo il lavoro e ri-costruiamo i servizi!”, organizzata dalla Cisl nazionale e dalla Cisl Funzione Pubblica nazionale per denunciare il ritardo nell'attuazione della riforma delle politiche attive del lavoro; lo stato di continua precarietà ed insicurezza dei lavoratori dei Centri per l'Impiego; l'assoluta carenza di risorse finanziarie utili a garantire la soglia minima dei Servizi erogati dalle Province. Dopo l’intervento introduttivo di Maurizio Petriccioli, Segretario Confederale CISL e Commissario CISL FP, hanno preso parte al dibattito Sonia Palmera, Assessore al Lavoro della Regione Campania; Giuseppe Canfora, Presidente UPI Regione Campania; Maurizio Del Conte, Presidente ANPAL ed ha concluso i lavori Gigi Petteni, Segretario Confederale CISL.

Al termine dell' incontro Maurizio Petriccioli e Gigi Petteni hanno fatto il punto sostenendo che: “I continui tagli che hanno pregiudicato l’erogazione dei servizi e la mancata approvazione del referendum costituzionale hanno lasciato gli enti locali in una situazione di confusione e di grave indeterminatezza sulla quale occorre intervenire. Il Segretario confederale della Cisl ed il Commissario della Fp Cisl hanno inoltre ribadito che :" ad oggi 3 province hanno già dichiarato lo stato di dissesto e 10 il predissesto, evidenziando una situazione divenuta insostenibile per migliaia di lavoratori”. Sullo stato dei Centri per l’Impiego, hanno specificato: “I lavoratori dei 550 centri per l'impiego, precari e non, si trovano in una situazione di grave incertezza. Mancano risorse strutturali adeguate che avvicinino i servizi erogati agli standard europei e l'ultradecennale personale precario attende un piano di stabilizzazione non più rinviabile”. “I Centri per l’Impiego - hanno aggiunto- avrebbero dovuto rappresentare il perno della seconda fase del Jobs Act, aiutando a trovare una nuova occupazione a chi perde il lavoro. Ad oggi la fase due è stata ampiamente disattesa”.“Invitiamo il Ministro Poletti ad aprire un confronto serio e approfondito nel merito per costruire insieme alle organizzazioni sindacali un modello di governance migliore e più efficace per i cittadini e i lavoratori. In mancanza di risposte, la CISL è pronta ad aprire una stagione di mobilitazione nazionale e territoriale perché la Cisl non vuole perdere la sfida delle politiche attive, baluardo reale per proteggere le persone nel mercato del lavoro", hanno concluso.

 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.