Province e CpI. Cisl: "Mancano risorse finanziarie per garantire i servizi. Pronti a mobilitazione territoriale e nazionale"

Napoli, 21 giugno 2017 - Si è tenuta oggi, 21 giugno, a Napoli, presso l’Hotel Ramada, la seconda giornata del convegno “Salvaguardiamo il lavoro e ri-costruiamo i servizi!”, organizzata dalla Cisl nazionale e dalla Cisl Funzione Pubblica nazionale per denunciare il ritardo nell'attuazione della riforma delle politiche attive del lavoro; lo stato di continua precarietà ed insicurezza dei lavoratori dei Centri per l'Impiego; l'assoluta carenza di risorse finanziarie utili a garantire la soglia minima dei Servizi erogati dalle Province. Dopo l’intervento introduttivo di Maurizio Petriccioli, Segretario Confederale CISL e Commissario CISL FP, hanno preso parte al dibattito Sonia Palmera, Assessore al Lavoro della Regione Campania; Giuseppe Canfora, Presidente UPI Regione Campania; Maurizio Del Conte, Presidente ANPAL ed ha concluso i lavori Gigi Petteni, Segretario Confederale CISL.

Al termine dell' incontro Maurizio Petriccioli e Gigi Petteni hanno fatto il punto sostenendo che: “I continui tagli che hanno pregiudicato l’erogazione dei servizi e la mancata approvazione del referendum costituzionale hanno lasciato gli enti locali in una situazione di confusione e di grave indeterminatezza sulla quale occorre intervenire. Il Segretario confederale della Cisl ed il Commissario della Fp Cisl hanno inoltre ribadito che :" ad oggi 3 province hanno già dichiarato lo stato di dissesto e 10 il predissesto, evidenziando una situazione divenuta insostenibile per migliaia di lavoratori”. Sullo stato dei Centri per l’Impiego, hanno specificato: “I lavoratori dei 550 centri per l'impiego, precari e non, si trovano in una situazione di grave incertezza. Mancano risorse strutturali adeguate che avvicinino i servizi erogati agli standard europei e l'ultradecennale personale precario attende un piano di stabilizzazione non più rinviabile”. “I Centri per l’Impiego - hanno aggiunto- avrebbero dovuto rappresentare il perno della seconda fase del Jobs Act, aiutando a trovare una nuova occupazione a chi perde il lavoro. Ad oggi la fase due è stata ampiamente disattesa”.“Invitiamo il Ministro Poletti ad aprire un confronto serio e approfondito nel merito per costruire insieme alle organizzazioni sindacali un modello di governance migliore e più efficace per i cittadini e i lavoratori. In mancanza di risposte, la CISL è pronta ad aprire una stagione di mobilitazione nazionale e territoriale perché la Cisl non vuole perdere la sfida delle politiche attive, baluardo reale per proteggere le persone nel mercato del lavoro", hanno concluso.

 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa