Alitalia, Fiorentino (Fit-Cisl): Ennesimo scivolone di O'Leary

Roma, 29 giugno - "Prima di dare lezioni su cosa fare e come farlo, fossimo in lui, ci preoccuperemmo di rispettare tutto quello che va rispettato nel nostro Paese, iniziando con il pagare le tasse in Italia e applicare il contratto di lavoro del settore per i propri dipendenti; attaccare politica e sindacato in questo modo è inaccettabile", con queste parole Emiliano Fiorentino, Segretario nazionale della Fit-Cisl, commenta le recenti dichiarazioni di Michael O'Leary, Ceo di Ryanair.

Prosegue Fiorentino: "L'AD afferma che è disponibile ad acquistare almeno il 51% della compagnia a fronte di una rivoluzione della stessa, partendo da importanti tagli del personale.
Questo è il principale punto che ci porta inevitabilmente ad essere in completo disaccordo: noi teniamo al bene di Alitalia, delle aziende italiane, ai loro lavoratori e alle loro lavoratrici, ed è fondamentale per il sindacato ripartire dal lavoro per creare crescita e sviluppo.
Ci auguriamo che anche la politica non accetti tali provocazioni e continui nella ricerca di potenziali acquirenti con idee e prospettive diverse da quelle dichiarate dall'AD di Ryanair".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.