Edili. Natuzzi minaccia licenziamenti. FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil: "Inaccettabile e ingiusto"

Roma, 30 giugno 2017. Natuzzi  minaccia il licenziamento di un numero di dipendenti pari a quello dei lavoratori reintegrati dal giudice. "Inaccettabile e ingiusto" rispondono i sindacati di categoria FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil.  "Il gruppo - denunciano in una nota - sulla stampa continua a fare dichiarazioni che esulano non solo dal campo di normali relazioni sindacali, ma addirittura dal buon senso. Noi continuiamo a dire che mettere contro i dipendenti, in un sorta di guerra tra deboli, non ha nulla a che vedere con i proclami della stessa azienda. Le sentenze si rispettano, ma usarle come alibi per abbandonare il piano industriale concordato nel 2013, e che aveva l’obiettivo di garantire la salvaguardia di tutti i lavoratori con investimenti sia sui siti produttivi attualmente attivi che sull’apertura del nuovo sito di Ginosa, è francamente inaccettabile. Invitiamo Natuzzi - proseguono i sindacati - ad un maggiore senso di responsabilità, anche per non vanificare quanto di buono stiamo facendo al Mise con la Cabina di regia. Ci sono 1.300 lavoratori (1.918 compresi quelli del commercio), e quindi altrettante famiglie, ai quali garantire un futuro sereno, e questo si assicura con gli investimenti e la difesa delle professionalità, non certo con le minacce", concludono Feneal, Filca, Fillea.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.