Scuola. Distrutto a Palermo il busto di Falcone. Gissi (Cisl Scuola): "Atto di assoluta gravità che merita una ferma condanna"

Roma, 10 luglio 2017 -   "Colpiti nello stesso tempo l’immagine di un eroe della lotta alla mafia e un’istituzione, la scuola, che è la risorsa fondamentale su cui far leva per promuovere la cultura della legalità". Così la Segretaria generale della Cisl Scuola, Maddalena Gissi commenta   il "gesto oltraggioso e vile quello di chi ha distrutto a Palermo un busto di Giovanni Falcone usandolo poi per atti di vandalismo contro una scuola". "Può essere che i responsabili di questa bravata, nella loro abissale stupidità, nemmeno se ne rendano conto" osserva. Il fatto rimane comunque  di assoluta gravità e merita la più ferma condanna, insieme al rinnovato impegno a non abbassare la guardia nei confronti di comportamenti incivili che meritano solo di essere isolati e perseguiti con la giusta severità" conclude.

Leggi anche:

Falcone. Sindacati, Falcone. Sindacati, "Nuovo atto ignobile. La scuola continui ad essere presidio di legalità"
Roma, 13 luglio - “Un nuovo atto oltraggioso e macabro è stato compiuto questa mattina davanti alla scuola 'Falcone', nel quartiere Zen di Palermo...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.