Metalmeccanici. Confermati 100 lavoratori FCA VM motori con contratti in scadenza

14 luglio 2017. "Il contratto di solidarietà che riguardava circa 835 lavoratori su 1225 dipendenti si chiuderà il 30 settembre 2017. La nostra determinazione e azione sindacale e una situazione di prospettiva del mercato sui motori che volge verso la ripresa ci ha consentito oggi d’invertire la marcia, stiamo uscendo da una situazione di crisi che ha investito lo stabilimento da circa due anni". Così Ferdinando Uliano Segretario nazionale della FIM-­‐CISL dopo la  conferma a tempo indeterminato di 100 lavoratori con contratti a termine,  presente all’incontro sindacale di oggi presso l’azienda di Cento (Ferrara). "Nel 2015 la produzione della Vm di Cento raggiungeva quota 124.000 -spiea Uliano- andando oltre i 107 mila motori del 2014. In quel periodo stavamo procedendo alla conferma in tutti gli stabilimenti di FCA in Italia di oltre 3.000 giovani assunti, quando arrivò lo stop per i soli contratti di Cento. Per la VM ci comunicarono che non si poteva procedere, perché i segnali sul mercato americano per i motori diesel non erano positivi a causa del crollo del prezzo del petrolio e per lo scandalo sui motori di Volkswagen. Nel 2016 infatti i volumi scesero del 43,5% toccando quota 70.000 e si dovette ricorrere a circa 98 giorni di Cassa Integrazione. Nel 2017 la situazione di difficoltà è proseguita, con una riduzione dell’orario di lavoro - mediamente del 50%  - con l’uso del contratto di solidarietà. In questi anni  abbiamo monitorato e verificato l’andamento e la situazione stando sempre in mezzo i lavoratori anche nei momenti più difficili, come FIM-CISL abbiamo costruito le condizioni per non perdere occupazione e soprattutto per non disperdere le professionalità dei giovani assunti. Oggi -conclude Uliano- la prospettiva che abbiamo di fronte per la VM di Cento è in miglioramento, si chiuderà il contratto di solidarietà in scadenza il 30 di settembre e verranno trasformati a tempo indeterminato ai circa 100 lavoratori a cui scadeva il contratto, mentre in termini di volumi è attesa una crescita soprattutto agli inizi del 2018".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.