Contratti. Vertenza Ubi, concordate 250 nuove assunzione. First Cisl: "Un risultato rilevante sotto il profilo sociale”

Roma, 26 luglio 2017 -  “Un risultato rilevante sotto il profilo sociale, che offre certezza occupazionale a una platea di 335 giovani".  Così Riccardo Colombani della segreteria nazionale di First Cisl al termine della trattativa svoltasi in Ubi in materia di contrattazione aziendale. "Essere riusciti a concordare 250 nuove assunzione, pari al 37% delle uscite volontarie e la stabilizzazione di 85 rapporti di lavoro" per Colombari è rilevante  ancor più  "in un momento nel quale la disoccupazione giovanile rappresenta un vero dramma per il Paese".  Dalla sua il coordinatore di First Cisl nel Gruppo Ubi, Andrea Battistini tiene a sottolineare come "il pacchetto giovani comprenda una maggiorazione della contribuzione aziendale alla previdenza complementare, elevata al 6% per cinque anni, temperando così l’effetto del minor gettito salariale derivante dalle previsioni nazionali per i contratti di inserimento professionale. Una forte valenza sociale - aggiunge Battistini – risiede anche nell’aver previsto, in aggiunta a 638 esodi volontari, la precedenza assoluta per i portatori di handicap o di invalidità in un pacchetto di 40 possibili ulteriori uscite, sempre su base volontaria”. “Ora è necessario – conclude Colombani - che il contratto integrativo si estenda alle società prodotto del gruppo Ubi e ai lavoratori provenienti da Banca delle Marche, Banca Etruria e CariChieti”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.