Lavoro. Cgil, Cisl, Uil: “Con Confesercenti siglati accordi importanti”

Roma, 7 settembre 2017. "Dopo gli accordi sottoscritti con Confcommercio, Confapi e le Associazioni Artigiane prosegue il percorso intrapreso dal sindacato italiano, a partire dall’accordo unitario del 14 gennaio 2016, volto a costruire un moderno sistema di relazioni sindacali in grado di favorire lo sviluppo sociale, economico ed occupazionale del Paese". E' quanto scrivono in una nota congiunta segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil Franco Martini, Gigi Petteni e Tiziana Bocchi commentando i due accordi firmati con Confesercenti riguardanti il modello contrattuale e le relazioni sindacali, e la misurazione e certificazione della rappresentanza e rappresentatività delle organizzazioni sindacali. L'intesa raggiunta sulla rappresentanza, continua la nota, "conferma la piena volontà di Cgil, Cisl e Uil di addivenire a un insieme di regole chiare e condivise per certificare la rappresentatività delle organizzazioni sindacali in tutti i settori economici. Resta però evidente la necessità di censire anche le parti datoriali per stabilire quali soggetti sono titolati, o meno, a sottoscrivere contratti collettivi nazionali e porre, così, un freno al proliferare incontrollato di questi ultimi". Gli accordi sottoscritti, concludono i segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil, "dimostrano ancora una volta la vitalità delle relazioni sindacali così come il ruolo che le Parti Sociali possono e devono svolgere per costruire soluzioni utili e condivise atte a tutelare e qualificare il lavoro e rendere, allo stesso tempo, maggiormente competitive le imprese".

Leggi anche:

Lavoro. Furlan: “Positiva intesa con Confesercenti su modello contrattuale” Lavoro. Furlan: “Positiva intesa con Confesercenti su modello contrattuale”
Roma, 7 settembre 2017. "La firma dell'intesa sul modello contrattuale e sulle regole per la rappresentanza da parte di Cgil, Cisl e Uil con...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.