Ius soli. Ocmin (Cisl): "Il riconoscimento della cittadinanza è una sfida di civiltà"

Roma, 12 settembre 2017- "E' un errore questo rinvio. Il riconoscimento della cittadinanza ai giovani figli di immigrati nati e cresciuti in Italia rappresenta una sfida di civiltà per il nostro Paese". Lo dichiara in una nota Liliana Ocmin, Responsabile Donne Giovani Immigrati della Cisl. "Dare risposte concrete a processi di integrazione in una società multiculturale è una conquista fondamentale ed imprescindibile per creare vera coesione sociale. Disattendere ancora l'appello accorato di questi giovani fa perdere di certo una grande occasione al nostro Paese. La politica e quanti si fanno portavoce dei valori della democrazia e dell' unità devono sapere ascoltare i bisogni di una società che cambia e si evolve e che per stare al passo con i tempi necessita di creare condizioni di pari opportunità e di non discriminazione.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.